Ar-Tea Academy: quando tè e arte si uniscono

Ar-Tea Academy è l’Accademia del tè fondata da Gabriella Scarpa a Venezia, in cui sia appassionati che professionisti del tè possono trovare corsi di specializzazione e webinar sul mondo che circonda questa speciale bevanda.
Gabriella Scarpa, Tea Expert e Tea Sommelier, ci parla della sua passione, di cosa offre la sua Accademia e della sua missione di far conoscere la cultura del tè in tutte le sue forme.

Potrebbe raccontarci com’è nata la sua passione per il tè?

La mia passione è nata con me. Io sono Veneziana di madre inglese e non c’è stato pomeriggio nella mia vita senza una tazza di tè.
La mia voglia di conoscere la cultura del tè invece è legata alla mia passione per la ceramica. In passato io sono stata ceramista e nel mio atelier, in un vecchio forte austriaco, mi divertivo a produrre ceramiche Raku, una tecnica giapponese profondamente legata alla cultura orientale del tè.
Questo mi ha fatto aprire una porta sulla affascinante e millenaria cultura del tè orientale.
Sono stata catturata al tal punto che da quel momento non ho mai più passato un giorno senza studiare, leggere e soprattutto cercare e degustare le centinaia di tè preziosi e rari provenienti da tutto il mondo.
Ho iniziato a formarmi professionalmente e sono diventata Sommelier del Tè a Londra sotto la meravigliosa ala di Jane Pettigrew alla UK Tea Academy.
Ora sono io stessa insegnante e collaboro con la UK Tea Academy come trainer autorizzata in Italia in italiano attraverso la mia Ar-tea Academy.

Potrebbe parlarci brevemente di Ar-tea Academy? Com’è nata l’idea di questo progetto?

Il nome Ar-tea unisce l’arte al tè, non solo come “arte del tè” ma anche perché in passato sono stata presidente di una associazione culturale che era anche una sala da tè e galleria d’arte.
Io provengo da un percorso di studi in Storia dell’arte presso l’Università Cà Foscari di Venezia e prima ho studiato arte all’Istituto d’arte, quindi è sempre stata una mia grande passione.
Ho voluto mantenere questo nome anche per la Academy, non solo perché è già molto conosciuto, ma soprattutto perché davvero mi rappresenta.

Ar-tea Academy è una scuola del tè che insegna, attraverso corsi certificati UKTA e riconosciuti a livello internazionale, a conoscere la cultura del tè attraverso la sua storia, geografia, chimica, analisi sensoriale, valutazione della qualità, di tè di tutto il mondo.
Ar-tea Academy aiuta le persone a capire come acquistare, vendere, preparare e servire qualunque tè, a raccontarlo, descriverlo, a rispondere alle domande dei clienti. Si rivolge alle Aziende prettamente ma anche moltissimi privati appassionati seguono i nostri corsi.
Ci occupiamo anche di eventi e degustazioni in realtà particolari come negozi di alta moda, Gallerie d’arte, grandi Alberghi.
Facciamo consulenze aiutando le aziende ad offrire adeguatamente tè di qualità e ben preparati.
Creiamo per loro anche la “Carta del Tè” e ci occupiamo degli abbinamenti con dolci e salati e di proporre il tè anche in modo non tradizionale, come aperitivo o come alternativa al vino, per tutti quei clienti (e sono sempre di più) che per motivi culturali, personali o religiosi non bevono alcolici.

 

Cosa rappresenta per lei il momento di degustazione del tè?

Per me degustare un tè è lavoro, passione e amore.
Attraverso la degustazione di ogni singolo tè studio e viaggio con i sensi nel “terroir” dal quale proviene, nella cultura che lo produce, nella stagione e nel clima del luogo in cui sono cresciute le varietà con cui è composto. Guardo le foglie secche, le analizzo e poi faccio la stessa cosa quando sono bagnate dopo l’infusione. Poi assaggio il liquore, lo guardo, lo annuso per sentirne l’aroma e annoto tutto nelle mie schede e nei miei quaderni.

C’è una specialità di tè che preferisce?

Io amo i tè di buona qualità, quelli in purezza, speciali e rari. Di solito il mio preferito è quello che sto studiando in quel momento, può essere un Oolong di alta montagna di Taiwan, oppure un tè di rupe del Fujian, o un Darjeeling First Flush, o un Tamaryokucha giapponese o infine un Puerh dello Yunnan. E molti, molti altri. Diciamo che non sono una fan dei tè aromatizzati ma che il mio lavoro di Sommelier e di consulente non mi permette di concentrarmi solo su quello che piace a me.

Una frase che identifica lei e la sua passione per il tè per concludere?

Quando una passione è vera e ti entra dentro, seguirla ti potrà aprire e portare in luoghi che mai prima potevano appartenerti.

Il tè è la mia passione ed è per me un guru, un compagno di vita con il quale gioco continuamente e che mi porta per mano attraverso viaggi nella storia, nella geografia, nelle lingue di paesi lontani, che mi racconta storie e leggende, che mi fa conoscere persone e luoghi incredibili. È il mio buco nero che, come in un vortice costante, come in una fiaba, mi porta con sé sempre più lontano.

Ringraziamo Gabriella Scarpa per il tempo che ci ha dedicato e per aver condiviso la sua conoscenza e passione per lo studio del tè.

Se volete scoprire di più sui corsi di formazione sulla cultura del tè, i webinar e molto altro, visitate il sito Ar-Tea Academy!

Se volete gustare dei tè di qualità, scoprite la nostra selezione su Sensaterra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *